domenica 23 luglio 2017

Liebster Award

Ho ricevuto come premio un Liebster Award.


L'avevo ricevuto anche in un altro anno ma non ricordo quale, quest'anno sono stata nominata dal Blog di Ivano Landi che ringrazio di cuore.
E quindi prima di addentrarmi nel mese di agosto quando l'attività del blog subirà un rallentamento mi appresto subito a rispondere alle 11 domande

Ecco, per chi ancora non le conoscesse, le quattro regole inviolabili dell'award:
1.Ringraziare chi ti ha premiato e rispondere alle undici domande che ti sono state poste.
2.Premiare altri undici blogger che abbiano meno di 200 follower e che ritenete meritevoli.
3.Comunicare la premiazione nelle bacheche dei "vincitori".
4.Proporre a vostra volta undici domande.

Cominciamo con le risposte alla domande poste da Ivano:

1. Da quale pittore o scultore ti piacerebbe farti immortalare in un ritratto? (vale anche citare un artista del passato).

Se posso scegliere il grande Leonardo.

2. La tragedia occupa da secoli un posto più alto rispetto alla commedia nella considerazione degli uomini considerati di cultura. Questo vale per il teatro greco e elisabettiano come per il cinema. Si può quindi dire, parafrasando Kundera, che più qualcosa è pesante più è intellettualmente comodo da portare in giro?

Sempre, solo la leggerezza è insostenibile.

3. Woody Allen dice, in un celebre momento del suo film Manhattan: Cosa rende la vita degna di essere vissuta?... Per me, Groucho Marx, per dirne una... e Willie Mays… il secondo movimento della sinfonia Jupiter [la quarantunesima e ultima di Mozart]... l’incisione discografica di Potatohead Blues di Louis Armstrong... i film svedesi, naturalmente… L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra... le incredibili mele e pere di Cézanne... i granchi serviti nella catena di ristoranti Sam Woo... Ti invito a sostituire nomi e opere a piacere e creare, sulla base di questo, il tuo personale elenco di cosa rende la vita degna di essere vissuta (può essere anche più breve o più lungo di così).

Direi sempre l'amore e l'amicizia, ma anche l'arte e tutti i piccoli piaceri della vita, il buon cibo, il buon vino, la visione delle bellezze naturali di cui siamo circondati e di cui spesso ci dimentichiamo.

4. Quale fiaba associate più di tutte le altre alla vostra infanzia?

Le avventure di Pinocchio, era la favola che mi piaceva di più, da piccola ero un maschiaccio, non mi sono mai sentita né Cenerentola, né Biancaneve e il burattino discolo mi faceva sorridere, poi con l'adolescenza è arrivata anche la passione per Edoardo Bennato e il suo "Burattino senza fili" a completare l'opera.

5. Un mostro sacro della letteratura, uno dell'arte e uno del cinema, anche se già passati a miglior vita, che secondo te avrebbero reso un servizio più utile a zappare la terra...


Domanda difficile, dopo averci pensato un po' direi
mostro sacro della letteratura: mi mancano troppe letture per poter scegliere.
mostro sacro dell'arte: forse non capisco niente di arte moderna ma sono andata a vedere la mostra di Mirò e proprio non mi ha appassionato...
mostro sacro del cinema: David Lynch, i suoi film li trovo insopportabili e incomprensibili.

6. Dì solo
 no ai Valori della Famiglia
 Un giorno che
 vai per strada
 e vedi un carro funebre
 con una bara,
 seguita da un’auto piena di fiori
 e da limousines;
 sai che il giorno è favorevole
 e che i tuoi piani avranno
 successo;
 ma il giorno che
 vedi una sposa e lo sposo,
 e una festa di nozze,
 fa’ attenzione;
 guardati bene,
 può essere un cattivo segno.

Dì solo no
 ai valori della famiglia,
 e non lasciare
 il lavoro quotidiano….

Questo è l’inizio di una lunga poesia di John Giorno, da lui composta il giorno della morte di William S. Burroughs. Gliela sentii recitare (in italiano) molti anni fa, a un reading di poesia beat. Sei d'accordo con lui o no? Viva o abbasso i valori tradizionali?
 
Ciò che è tradizionale non è necessariamente un bene.

7. Ti sentiresti più a tuo agio ad abitare una casa progettata da Antoni Gaudì o una progettata da Frank Lloyd Wright?

Sicuramente Gaudì, amo i colori e le forme arrotondate
Parc Guell
8. Disponi nell’ordine dal preferito al meno preferito i seguenti generi letterari, da me elencati in ordine alfabetico: Erotico, Fantascienza, Fantasy, Giallo, Horror, Noir, Rosa, Storico, Western.
Ok, d'accordo, ho capito. Basta domande pese…

Rosa, Giallo, Noir, Erotico, Fantascienza, Storico a seguire il resto. Però dipende anche da come sono scritti, a volte ho letto libri di un genere che non prediligevo ma che mi sono piaciuti molto, tutto dipende dallo stile dell'autore.

9. Qual è il tuo rapporto con i moderni blockbuster cinematografici?

Non sono prevenuta a priori, dipende dal genere.

10. Metti di trovarti a partecipare a una serata di visioni obbligate ma a maggioranza democratica tra amici, voti per un classico Disney o per un anime giapponese?

Classico Disney.

11. Bevi acqua contaminata e all'improvviso ti salta in testa l'idea di fare il cosplayer (si scherza, eh?). Quale personaggio dei fumetti e/o dei cartoni animati scegli di omaggiare?

Sempre Paperino. Quack!


Bene ho risposto alle domande e dovrei farne 11 a mia volta nominando 11 blogger.
Ecco le mie domande:
1. Se potessi scegliere di vivere in una città diversa dalla tua, quale sceglieresti?
2. Cosa chiederesti al genio della lampada? Mi raccomando solo tre desideri e in che ordine? 
3. Chi porteresti con te su un isola deserta?
4. Dieci libri che porteresti sull'Arca di Noè in caso di diluvio universale...
5. Devi fare un viaggio, dove ti piacerebbe andare? 
6. In quale personaggio storico vorresti reincarnarti?
7. Siamo soli nell'universo? 
8. Il titolo di un film che non vi stancate mai di riguardare.
9. La canzone della vostra vita o, almeno, degli ultimi anni.
10. Potete viaggiare nel tempo, in che anno scegliereste di tornare?
11. Non so più cosa chiedere...dove andate in vacanza questa estate? 

Dovrei nominare 11 blogger ma molti dei blogger che conosco sono già stati citati, quindi ne nominerò solo alcuni e siccome fa caldo e agosto si avvicina chi vorrà mi risponderà... 

Ecco le mie nomination
Il mondo di M. di Monica Brizzi
Lettore creativo di Silvia Algerino
Svolazzi e scritture di Nadia Banaudi
Marco Freccero di Marco Freccero
I libri di Sandra  di Sandra Faé





24 commenti:

  1. Leggendo le risposte dei nominati da Ivano, ho notato che c'è un 100% di preferenze per l'architettura di Gaudì.
    Pinocchio, invece, a me ha sempre messo molta malinconia addosso: il film con Manfredi/Geppetto, con quella musica tristissima, ha acuito questa sensazione.

    Quasi quasi, rispondo alla tua ultima domanda... 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e Clementina siamo per Lloyd Wright, Marina.

      Elimina
    2. E si è pure aggiunto adesso Vincenzo Iacoponi!

      Elimina
    3. L'ultima domanda è sempre interessante! Magari potresti sorprenderci (spero che la convalescenza proceda bene) Pinocchio è una favola forse triste, però molto istruttiva, oserei dire una "favola di formazione", ma a pensarci bene un po' tutte le favole lo sono. Crescere e diventare adulti responsabili è faticoso oltre che doloroso, bisogna stare attenti ai furbi come il gatto e la volpe, non credere che esista il paese dei balocchi, se poi trovi una fata turchina che ti indica la strada giusta è meglio. È una metafora della realtà, un po' malinconica lo è, ma il lieto fine può esserci 😊

      Elimina
  2. Ciao, Giulia, ho letto il post e sei andata molto bene. Anch'io ho notato che Gaudì piace molto. Risponderò qui sul blog alle tue 11. domande, ma mi prendo un po' di tempo per pensarci. A presto e buona domenica. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaudì mi ha conquistata, sono stata a Barcellona diverse volte e ogni volta ho fatto tappa da un monumento di Gaudì (farli tutti in un viaggio diventava impossibile). Le mie risposte sono piuttosto sintetiche, sono contenta di essermela cavata ;-) allora aspetto le tue risposte nei prossimi giorni, fai pure con calma! Buona domenica carissima *_*

      Elimina
  3. Riposto nuovamente perché prima ho fatto un po' di confusione tra i generi maschile e femminile:

    Direi che te la sei cavata ottimamente.
    Condivido in particolare le risposte 1, 2 e 10, che avrebbero potuto essere le stesse mie.
    Le tue 11 domande sono accipicchia impegnative e ti sono grato per non avermi rinominato a tua volta ;D
    Grazie mille della partecipazione e buona domenica :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue domande erano belle impegnative, ma ho compensato con la sinteticità, sono contenta che ti abbiano comunque soddisfatto 😉 Ti ho esonerato ma se vuoi rispondere alle mie domande, anche solo ad alcune mi fa piacere!

      Elimina
  4. Direi che Wright è molto nel tuo stile Ivano ☺️

    RispondiElimina
  5. Anche tu hai scelto Gaudì, siamo in tanti ad apprezzarlo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe abitare in una mini casa Batlò, sarebbe molto bello. Sì siamo in tanti ad apprezzarlo :)

      Elimina
  6. Oh che bella impresa Giulia, grazie per aver pensato a me, ci lavorerò un pochino su e presto prometto di partecipare, anche se io e l'arte, ahi! Complimenti per le tue risposte, aiutano a comprenderti meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nadia, rispondi pure con i tuoi tempi, questo è un modo per interagire piacevolmente nella blogosfera in leggerezza, quella troppo spesso insostenibile :)

      Elimina
  7. Ah, ah! Ho riletto stamani le tue domande e scoperto che almeno a un paio ho risposto, senza volerlo, nel mio post di ieri, e sono precisamente la 1 e la 9.
    Per il resto, vediamo a quale posso rispondere:

    3) Chi e non cosa? Caspita, una scelta davvero impegnativa. Calcolando che dovrei forse trascorrerci un bel po' di anni insieme, vado sul sicuro e dico Garance Marillier.

    4) Libri... dunque non soltanto romanzi. Ecco il mio elenco:
    1) La Recherche di Proust
    2) "Croficissione in rosa" di Henry Miller,
    3) "Elegie duinesi" e "Sonetti a Orfeo" di Rilke (sono due ma si trovano anche riunite in uno stesso volume)
    4) "Enneadi" di Plotino,
    5) "Tertium Organum" di P.D. Ouspenskij,
    6 e 7) "Le nozze di Cadmo e Armonia" e "Il cacciatore celeste" di Roberto Calasso,
    8) "Mason & Dixon" di Thomas Pynchon
    9) Storia dell'occhio di Bataille,
    10) L'enciclopedia "I quindici".

    Però mi sa che dopo sentirei la mancanza delle letture di horror e fantascienza... insomma, la vedo dura.

    5) Australia. Va bene anche sola andata.

    6) A questa ho risposto di recente in un altro Liebster: il faraone Akhenaton.

    7) Assolutamente no.

    8) Dark City.

    10) Anche a questa ho risposto pochi giorni fa da qualche altra parte:
    All'epoca in cui Proust scriveva la sua Recherche.

    Va be', dai, alla fine ho risposto a quasi tutte ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo fare una rettifica:
      in realtà non ho davvero risposto alla domanda 1 nel mio post di ieri. Vi ho infatti citato la città secondo me più bella tra tutte quelle che ho visitato ma non quella dove vorrei abitare (a parte che vi ho anche abitato).
      Quindi la risposta diventa, in coerenza con la risposta 5, Sydney, in Australia.

      Elimina
    2. Dark city è un bel film alla prima occasione lo vorrei rivedere anch'io :)
      Non sono mai stata in Australia deve essere un posto bellissimo, concordo con la tua risposta. Dei tuoi dieci libri conosco solo La recherchd e la mitica enciclopedia I quindici, vado a documentarmi su google 😉 Grazie Ivano per le risposte, quanti aspetti nuovi che si scoprono degli amici blogger ...

      Elimina
  8. Eccomi con le risposte alle tue domande. ^_^

    1. Se potessi scegliere di vivere in una città diversa dalla tua, quale sceglieresti?
    Parigi senza dubbio alcuno, anche se ultimamente è molto martoriata.

    2. Cosa chiederesti al genio della lampada? Mi raccomando solo tre desideri e in che ordine?
    In realtà non ho niente di specifico da chiedere, sono contenta così. Se proprio dovessi, 1. vivere altri trent’anni 2. la buona salute 3. avere ancora più tempo libero.

    3. Chi porteresti con te su un isola deserta?
    Mio marito, che ha molto più senso pratico di me e potrebbe sopperire alle mie carenze. Infatti, mentre io mi concentrerei sul lato estetico di una palma, lui penserebbe a un sistema per arrivare alle noci di cocco.

    4. Dieci libri che porteresti sull'Arca di Noè in caso di diluvio universale...

    Il rosso e il nero di Stendhal
    Guerra e Pace di Tolstoj
    Jane Eyre di Charlotte Brönte
    L’idiota di Dostoevskij
    La divina commedia di Dante Alighieri
    Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen
    Via dalla pazza folla di Thomas Hardy
    Confessioni di Sant’Agostino
    Il pittore degli angeli di… me stessa (è ammesso? sono talmente affezionata a questo romanzo!)
    e, per finire, naturalmente la Bibbia, viste le circostanze!

    5. Devi fare un viaggio, dove ti piacerebbe andare?
    Mi piacerebbe andare in Giappone, per cambiare continente. Poi non sono mai stata in Estremo Oriente.

    6. In quale personaggio storico vorresti reincarnarti?
    Quelli che mi piacciono hanno avuto vite molto tribolate. Magari Florence Nightingale, che ammiro molto.

    7. Siamo soli nell'universo?
    Secondo me è affollatissimo, peggio dell’ora di punta! Per fortuna c’è posto per tutti.

    8. Il titolo di un film che non vi stancate mai di riguardare.
    Blade Runner di Ridley Scott.

    9. La canzone della vostra vita o, almeno, degli ultimi anni.
    Canzoni particolari non ne ho mai avute. Volendo citarne una, Saturday Night Fever, quella della mia giovinezza.

    10. Potete viaggiare nel tempo, in che anno scegliereste di tornare?
    1789-1794, il periodo della Rivoluzione Francese.

    11. Non so più cosa chiedere...dove andate in vacanza questa estate?
    Andiamo qualche giorno in Umbria, per il resto rimaniamo a casa sperando di non sudare troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle le tue risposte Cristina, grazie! Concordo con i tuoi libri e con i desideri del genio della lampada, il tempo libero lo chiederei anch'io, però mi piace che tu ti senta comunque già soddisfatta. Sarurday night Fever, ah che ricordi anche per me!

      Elimina
  9. Al via con un altro giro di Liebster! Belle le tue domande, slegate dalla scrittura diventano ispirazione per qualcosa di nuovo. :)
    Andrei in Scozia, come tre desideri salute (non è mai abbastanza), soldi (almeno billionaria, e poi fondo una casa editrice per soli blogger :P ) e il terzo è pure più difficile, l'amore, si sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara! Mi piacciono molto i tuoi tre desideri, sai che a pensarci bene potrebbero essere benissimo anche i miei! Anche la Scozia manca dai miei viaggi, mi piacerebbe un sacco visitarla. Con queste domande si scoprono dei lati in comune nella blogosfera

      Elimina
  10. Giulia, grazie! Che carina, grazie! :)
    Ci penso e nei prossimi giorni rispondo!
    Non sapevo che il rosa fosse il tuo genere preferito. Interessante. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo le storie d'amore, anche se devo essere un po' complicate per intrigarmi, in fondo l'amore è parte della vita...
      Sono curiosa di leggere le tue risposte!

      Elimina
  11. Grazie, cara! Essere nominati nel Liebster fa sempre piacere. Partecipo sicuramente. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Silvia! Sono curiosa di leggere le tue risposte, fai pure con i tuoi tempi 😘

      Elimina